titanio_diossido

Nuovi nanocristalli inorganici fotocatalitici per l’ ambiente e l’energia rinnovabile

Negli ultimi decenni sono stati svolti molti studi e compiuti molti passi avanti per il trattamento delle acque reflue, e per l’abbattimento degli inquinanti presenti all’interno di fumi provenienti da processi industriali. Tuttavia, sono presenti una serie di problematiche non ancora risolte utilizzando gli attuali
sistemi di abbattimento. Ad esempio, molte sostanze chimiche utilizzate all’interno dei processi attuali lasciano tracce nei campioni trattati, il che implica l’utilizzo di ulteriori tecnologie per la loro successiva rimozione.
Molti reagenti sono infatti dannosi per l’ecosistema, ma vengono comunque utilizzati per i vantaggiosi rapporti costo/effetto.
Per risolvere queste problematiche, abbiamo sviluppato, sintetizzato e caratterizzato nanocristalli di specifici ossidi altamente fotocatalitici a base di metalli di transizione che, attivati da apposito irraggiamento luminoso, reagiscono fortemente con l’ossigeno dell’aria e con l’acqua.[…]

 

pdf_50-hover Leggi l’articolo completo

Il_Sole_24_ore_maggio_2016

Tecnologie e materiali “intelligenti” ed ecologici

Finalizzato alla ricerca per l’innovazione tecnologica, specie nel campo delle nanotecnologie, ma anche nello studio e di metodiche sperimentali per la risoluzione
di problematiche legate alla produzione, allo smaltimento e all’indagine chimica di inquinanti, Chemical Center (www.chemicalcenter.it) nasce alla fine del 2009 per iniziativa del Laboratorio di strutturistica chimica ambientale e biologica (Lebsc – www.lebsc.it) del Dipartimento di Chimica G. Ciamician dell’Università di Bologna e della Coswell.
Il Lebsc collabora con Coswell fin dal 2005, anno del brevetto di Microrepair e del lancio della linea di igiene orale Biorepair, prima alternativa all’uso rischioso per la salute del fluoro e della clorexidina… […]

 

pdf_50-hover  leggi l’articolo pubblicato su Il_Sole_24_ore_maggio_2016

Cristalli al microscopio a scansione

High Tech Ambiente – Amianto

DA TERRORE A RICCHEZZA
L’amianto geomimetico

Sintetizzate in laboratorio fibre sintetiche innocue
aventi la stessa struttura e morfologia di quelle naturali

pdf_50-hover

High Tech Ambiente marzo 2016

LEBSC_premio_StartUP-innovativa-2015

Siero di latte per trattare l’amianto

Il ministero della Salute ha autorizzato il processo innovativo di denaturazione

Premiata a Ecomondo con il Premio Sviluppo Sostenibile 2015 per essere una tra le start up che hanno saputo interpretare al meglio le nuove tendenze della green economy nazionale, Lebsc Srl – Laboratory of Environmental and Biological Structural Chemistry è nata su iniziativa di Norberto Roveri, professore ordinario di Chimica Inorganica al dipartimento di Chimica dell’Università di Bologna. Insieme con un gruppo di ricercatori, il professore ha dato vita a questa start up che utilizza le competenze acquisite con le nano e biotecnologie in decenni di ricerca accademica per trasferirle in ambito applicativo.
In particolare, Lebsc utilizza le tecniche chimico-fisiche più avanzate per studiare gli aspetti chimici dei processi di mineralizzazione dei tessuti calcificati e per sintetizzare materiali innovativi biomimetici per applicazioni biomedicali, tecnologiche e, soprattutto, ambientali. […]

pdf_50-hoverLEBSC premio StartUP innovativa 2015

recycling_2013

L’amianto si può smaltire con il siero di latte

Il brevetto, di proprietà di Chemical Center Srl, descrive un processo in grado di
trasformare le fibre di amianto rendendole inerti e riutilizzabili nel ciclo produttivo

Chemical Center Srl è nata nel 2009 per iniziativa del Prof. Norberto Roveri, direttore del Laboratorio
di Strutturistica Chimica Ambientale e Biologica (LEBSC) presso il Dipartimento di Chimica “G. Ciamician” dell’Università di Bologna, e dell’imprenditore Paolo Gualandi, presidente della Coswell SpA. Il LEBSC (www.lebsc.it) collabora proficuamente con Coswell fin dal 2005, anno in cui venne brevettata e lanciata commercialmente della linea di igiene orale Biorepair a base di idrossiapatite biomimetica.
Un successo internazionale, non solo commerciale, ma di innovazione scientifica in ambito odontoiatrico per aver rappresentato la prima salutare alternativa all’uso del fluoro finalmente riconosciuto anche dalla Comunità Europea rischioso per la salute. I ricercatori del LEBSC nella loro attività presso il Chemical Center Srl, utilizzano le loro particolari esperienze nell’ambito delle nanotecnologie acquisite nella ricerca di base sui materiali sia “biomimetici” sia “geomimetici”. […]

pdf_50-hover

Recycling 2013